Curiosità

Lo guardai sorpreso, prima perché non mi sarei aspettato

che fossero quelle le sue parole; poi perché non sapevo

che lui fosse a conoscenza di quell'ingresso.

(Capitolo "Il Cadavere")

 

Attenzione: rischio di spoiler! ;-)


L'ispirazione del romanzo

Troppo facile pensare che l'ispirazione della storia de Il Carro di Apollo nasca dagli studi psicologici della sua autrice!

In realtà tutto nasce, anche come concepimento della storia, attorno a Stefano, o meglio attorno all'idea di un personaggio complesso che unisse in sé una storia personale universalmente giudicabile come "deviante" e, all'opposto, un forte senso della giustizia. Una figura di investigatore diversa dalle icone precedenti nella letteratura, un giovane uomo fuori dalle regole che cresce sognando di mettere a posto proprio quel mondo sbagliato in cui è cresciuto e da cui in fondo non vuole del tutto allontanarsi. Ad un personaggio così non potevano che accostarsi identità altrettanto ambivalenti, come il colto Luca Magliari e il caustico Pavesi. Chiamati all'appello questi 3 uomini, la storia si è sviluppata da solo, insinuandosi nelle pieghe delle sfumature dinamiche delle loro relazioni.

Le traversie del Carro

In origine, il romanzo era stato concepito per la partecipazione al concorso indetto da una nota rivista italiana. Nella sua evoluzione narrativa, però, il romanzo assunse aspetti troppo dissonanti con la filosofia patinata della rivista; cosa che ha tenuto lontano il romanzo da quel concorso.

Successivamente, il Carro ha ricevuto l'attenzione di diversi lettori ed editori, tutti grandemente colpiti dalla storia e dallo stile, ma altrettanto perplessi dinanzi l'omosessualità del protagonista: "perché non  trasforma Stefano in Stefania" è stata la richiesta tipica di almeno una decina di contatti, disposti a pubblicare il romanzo "a patto che". Il rifiuto categorico dell'autrice ha così allontanato di anno in anno il Carro dagli Editori, forse poco coraggiosi o forse troppo banali...  chissà!

Nel corso degli anni successivi, il romanzo è stato sottoposto dall'autrice a varie revisioni, di tipo stilistico e anche di trama, ma mai per un solo istante ha pensato di castrare Stefano per farne una donna... con buona pace dei bigotti!

Relazioni che cambiano

Spazio per il gossip! Originariamente l'autrice aveva deciso che l'attrazione sbocciasse fra Stefano e... Massimo Pavesi! Increduli, eh? L'idea di una relazione fra un ex gigolò e un vicequestore della polizia di stato sembrava veramente esplosiva da un punto di vista di "valori". Tracce di questa intenzione sono state volutamente lasciate dall'autrice in alcune interazioni fra i due uomini, quando sembra che Pavesi sia in qualche modo aggiogato dalla capacità di Stefano di spiazzarlo.

Cosa è successo poi - vi chiedete? Faccenda complessa, diremmo: nella sua evoluzione sorprendente, il personaggio di Luca Magliari ha assunto aspetti che lo hanno fatto emergere con un temperamento impossibile da trascurare. L'attenzione dell'autrice, quindi, e quella di Stefano hanno cominciato ad esserne calamitate, fino ad arrivare alla totale fascinazione ;-)

 

Voi che cosa avreste preferito?

Il Carro di Apollo

Il ciondolo di Davide Torvani ha un ruolo preminente nella narrazione. Perché proprio questa "forma" per un oggetto tanto importante? Ancora una volta, le ispirazioni più bizzarre arrivano dall'universo onirico: l'autrice ha infatti "visto" il ciondolo in un sogno fatto durante la prima stesura del romanzo. Un sogno ambientato, ça va sans dire, nell'antica Grecia, in cui - all'interno di una tomba ignota - l'autrice ritrovava una piccola biga di Apollo, originariamente creato come oggetto votivo. Nel sogno, una voce le sussurrava: "dalle l'importanza che merita". Fatto, no?

La copertina del romanzo

I Palermitani più attenti lo hanno individuato subito, gli altri si sono interrogati a proposito; i non Palermitani non hanno elementi a disposizione per la certezza né per il dubbio: quale scorcio è reso protagonista nella copertina ideata dall'autrice*?

Si tratta di uno dei panorami più sorprendenti del centro storico di Palermo: la vista sulla Cattedrale (magnifico patrimonio UNESCO) che è possibile godere da una piazza (Piazza Sant'Anna al Capo) di uno dei più antichi quartieri/mercato della città, il Capo. Attraversando file incalzanti e colorate di banchi traboccanti di odori e merci (pesce e frutta soprattutto) su via Porta Carini, insinuandosi in un vicolo più stretto e dalla pavimentazione incerta (via Cappuccinelle), si arriva alla ricompensa più ambita in una piazza ripetutamente posseduta da rifiuti e posteggiatori: lo sguardo che si allarga sopra tetti di case basse e antiche per correre infine al profilo della Cattedrale contornato dall'orizzonte montuoso. Sregolatezza e somma bellezza: l'anima di Palermo nella sua più fascinosa verità. Proprio come Stefano Cori!

 

*una foto scattata dall'autrice è stata da lei successivamente elaborata graficamente, alla ricerca dell'atmosfera perfetta per simbolizzare la notte che dà inizio a tutto.

Era una notte buia e tempestosa

Un detrattore del romanzo - evento raro, lo confessiamo - ha severamente puntato l'indice sulla banalità dell'incipit del romanzo, da lui definito "plagiato sulla becera falsariga dello stereotipo da giallo": notte, temporale, tensione. Un editore - fra quelli fautori della castrazione di Stefano... - ha suggerito di cambiarlo (è possibile castrare anche un temporale?) proprio per sottrarre il romanzo ai giudizi negativi frettolosi di chi esprime valutazioni solo sulle prime righe. Impossibile farlo, poiché il Temporale, nella storia, ha persino ruolo di protagonista con i suoi impliciti e correlati.

Il motivo più vero per cui mai l'autrice lo cambierebbe, però, è che piuttosto che plagio banale questo “incipit temporalesco” è un affettuoso omaggio dell’autrice al più grande ispiratore di narrazioni di tutti i tempi: il mitico Snoopy di “era una notte buia e tempestosa”*! Potremmo mai rinunciare a un tale padrino?

 

* che a sua volta cita il "Paul Clifford" dello scrittore inglese Edward Bulwer-Lytton. Basta, inoltre, consultare Wikipedia per scoprire che i "beceri plagiatori" di incipit con "malotempo" sono tanti...